distanziamento sociale social distancing covid 19

Distanziamento sociale. Grazie al Covid 19 abbiamo riscoperto, nel nostro linguaggio, questa locuzione che non eravamo abituati a sentire. Scopriamo insieme in cosa consiste e come la tecnologia può venirci in aiuto.

La pratica del distanziamento sociale non è un’invenzione dei giorni nostri: storicamente il primo isolamento forzato dei malati risale al 1300 a Venezia, durante l’epidemia di peste nera.

Oggi, fortunatamente, le cose sono molto più semplici e la tecnologia ci aiuta notevolmente!

Se da un lato abbiamo dovuto rinunciare a molte forme di aggregazione e di socializzazione, dall’altro canto abbiamo dato più valore a “strumenti” che, pur essendo già in nostro possesso, non venivano sfruttati. Ne sono un esempio lo smartworking, la didattica a distanza, l’uso più intenso dei pagamenti digitali, degli e-commerce e dei market-place, e così via…

Come è ben chiaro a tutti, il distanziamento sociale ci impone di evitare assembramenti di più persone, soprattutto in luoghi chiusi, al fine di ridurre quello che tecnicamente viene denominato “tasso netto di riproduzione” (il famoso R0 che leggiamo nelle statistiche) e che indica quante persone un contagiato può infettare a sua volta all’interno della sua popolazione di riferimento.

Ma veniamo al cuore dell'articolo: che mezzi ci fornisce la tecnologia per vivere in sicurezza questo particolare momento storico?

Sicuramente meritano un posto di primo piano le applicazioni per il delivery: tutte quelle app che ti permettono di ordinare pranzo o cena con un click e di averlo consegnato direttamente a casa. Questo sistema esiste da anni e ha generato già diversi milioni di euro di fatturato con più di 15000 attività registrate.

In un momento di rinnovamento e di conquista di forme alternative di commercio questa è una soluzione da non trascurare. Riuscire a creare a casa del cliente un’esperienza di ristorazione nuova può essere sicuramente una strada da percorrere. Questa metodologia di acquisto si sta diffondendo per molte categorie merceologiche.

Esempi di app sono Just Eat, Deliveroo, Foodora, Ubereats e Glovo ma si stanno moltiplicando in modo esponenziale e se vuoi sapere quale sia la più convenite esiste un’applicazione anche per quello: FooxEat.

distanziamento sociale covid 19

Social Distancing e AI Thermometer. Sono due progetti open source dell’IIT (Istituto Italiano di Tecnologia). Il primo, sfruttando videocamere RGB non calibrate, misura, con un margine di errore ridotto, la distanza fra le persone. Il secondo è un software in grado, attraverso l’uso di termocamere, prima di localizzare gli individui e successivamente di calcolarne la temperatura.

Smart Proximity è un dispositivo indossabile della Engineering, già in uso in alcune industrie per il mantenimento delle distanze di sicurezza tra gli operai per garantirne l’incolumità. 

Al mondo del lavoro ci ha pensato anche la startup Matipay con l’app Take5. A cosa serve? A prenotare il tuo turno alla macchinetta del caffè così da evitare assembramenti nel momento della pausa.

Quando siamo invece al supermercato? Come possiamo evitare code e raggruppamenti per strada davanti all’ingresso?

Anche qui possiamo ricorrere ad applicazioni per smartphone come Ufirst, [email protected] o #Entrofacile che permettono di fare la fila da casa.

Se, inversamente, siamo i direttori di un punto vendita della GDO e dobbiamo regolamentare gli accessi dei clienti? Ci viene in aiuto l’azienda italiana MC Sistemi che con il suo software, Smart Health Control, è in grado di contare, attraverso l’uso di raggi infrarossi, quante persone sono in un centro commerciale, al cinema, ad un concerto e via discorrendo.

Queste sono solo alcune idee e soluzioni che ho trovato indagando sul web per darvi una panoramica di cosa sta accadendo. Non ho volutamente trattato dello smart working e della didattica da casa perché meritano un capitolo a se.

Quello che è importante, secondo me, è capire che nella tragicità del Coronavirus dobbiamo trovare lo spunto per fare un salto in avanti e modificare abitudini e stili di vita oramai obsoleti.

È il momento di dare una svolta alla nostra evoluzione!

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on pinterest
Share on email
Share on whatsapp
Share on print
attendibilità sito web fake news

Cattiva informazione sul web: come difendersi.

Facebook Twitter Pinterest Con l’avvento della pandemia Covid-19 un altra catastrofe si è abbattuta sul nostro povero pianeta, un flagello intellettuale: l’infuriare delle fake news e il diffondersi della cattiva informazione con il risultato di aggravare uno stato di confusione già difficilmente gestibile. Dopo questa premessa veniamo al sodo. Ti

Read More »
distanziamento sociale social distancing covid 19

Covid 19 e distanziamento sociale

Facebook Twitter Pinterest Distanziamento sociale. Grazie al Covid 19 abbiamo riscoperto, nel nostro linguaggio, questa locuzione che non eravamo abituati a sentire. Scopriamo insieme in cosa consiste e come la tecnologia può venirci in aiuto. La pratica del distanziamento sociale non è un’invenzione dei giorni nostri: storicamente il primo isolamento forzato dei

Read More »
Charlie_Chapli_Il_Grande-_Dittatore_Lavazza_Good_Morning_Humanity

Lavazza e Chaplin, campagna Good Morning Humanity 2020

Facebook Twitter Pinterest Uno dei discorsi più emozionanti della storia del cinema torna, grazie alla campagna pubblicitaria di Lavazza, a far riflettere e commuovere. In questo periodo difficile, dove il caos e il negativo ci assalgono con il loro fardello di morte e di disperazione, la nuova campagna pubblicitaria di

Read More »